Archivio mensile:dicembre 2012

Se il sindaco diventa terrorista

E’ colui che ha tappezzato Milano di telecamere che multano i motociclisti nelle corsie riservate. Ma è anche il politico che ha lottato per far togliere il pavè dal centro storico di Milano e ha creato parcheggi per motociclisti un po’ovunque.E’ quello che nel 1997, arrivava a palazzo Marino con casco e Vespa primanera ET3 rossa che poi parcheggiava nel cortile per riapparire nelle vesti ufficiali (e pedonali) di sindaco.Parliamo di Gabriele Albertini, quarant’anni di Vespa alle spalle, <<A 17 anni, con la 50 Special grigioazzurra è stato un amore a prima vista. Con lei ho provato l’ebrezza di viaggiare senza casco, con uno dei miei primi amori. E’ stata la paladina delle minigonne e della scoperta della libertà. La seconda, una 150 grigia metallizzata l’ho aquistata usata nel 1974 dal pittore Luigi Sozzini. Ma la terza, ET£ 125 Primavera ad accensione elettronica, è stata la vera protagonista della mia carica di sindaco. Allora il casco integrale mi permetteva di girare per Milano sufficentemente mascherato, sopratutto dopo l’omicidio D’Antona, quando per gli spostamenti ufficiali dovevo essere accompagnato in auto con la scorta. Anche se poi lo vedevano e lo fotografavano ovunque per la gioia della Piaggio <<Lo trovo un mezzo fantastico, elegante, sicuro. Sopratutto per uno come mè che viaggia in giacca e cravatta e può portare la valigetta porta documenti, essendo poi carenata è praticamente impossibile sporcarsi>>, Guidatore attento? <<Molto piu’ di quanto non lo sia con l’auto perchè la mia attenzione è concentrata sugli errori e le distrazioni degli altri. Mi ritengo un vespista educato>>. Anche se quella volta, un giorno del 1970 si pensò a un atto terroristico di un giovane vespista di nome Gabriele Albertini: “A quei tempi viaggiavo con un berrettino di foggia militare e gli occhiali scuri. Vidi un’auto con i vetri oscurati e la curiosità mi portò ad avvicinarmi meglio al finestrino. Scorsi al suo interno Felice Mortillaro, direttore generale di Federmeccanica, del quale consiglio direttivo facevo parte anch’io. Gli bussai al vetro per salutarlo. Lui, non avendomi riconosciuto, si accasciò terrorizzato sul sedile in attesa del colpo di grazia.>> Dal 1999 la Vespa con cui gira Albertini (la quarta) è una ET4 150 grigia metallizzata. Oggi è il primo a lamentarsi del congestionamento del traffico <<Chi di Albertini ferisce di Albertini perisce. Una telecamera ha beccato anche mè, e non mi sono certo potuto lamentare>>. Solo Vespe o anche altri oggetti di culto?<<Ho un paio di gemelli d’oro a forma di Vespa di grande finezza. Me li regalò il compianto presidente Giovanni Marra, che eraal corrente di questa mia passione

Annunci

Un insetto da record

Rotonda, con motore laterale, stretta in vita e grossa in fondo. Ma nonostante le critiche, il progetto vespa nato 66 anni fa non ha mai smesso di far sognare.

Acciaio per durare

Una delle caratteristiche storiche della Vespa è la scocca portante in lamiera, al posto dei telai tubolari e delle coperture in plastica degli altri scooter. Tutti i modelli Vespa escono dallo stabilimento di Pontedera.

Sestri Ponente, provincia di Genova, anno 1884. Nasce in Liguria la società fondata da Rinaldo Piaggio, ventenne e da suo padre, prima per fare arredamenti navali, poi per costruire vagoni ferroviari, tram e carrozzerie speciali per autocarri; e infine, con la prima guerra mondiale, per concentrarsi sugli aerei: eliche, motori completi, idrovolanti e aeroplani, a uso civile e militare, prodotti in fabbriche nate a Finale a Pisa e a Pontedera. Alla vigilia della seconda guerra il marchio è uno dei piu importanti in Italia. Gli impianti Piaggio diventano un’obbiettivo strategico, i bombardamenti alleati sono terribili, le fabbriche escono male dal conflitto mondiale o non ne escono affatto: Genova, Finale Ligure e Pontedera sono rase al suolo. Ed è allora che nasce la Vespa, nell’aprile del 1946.

<<Buffo sembra proprio una vespa!!!>> Questo è il primo commento a caldo di Enrico Piaggio, figlio di Rinaldo, incaricato di ricostruire Pontedera e di inventarsi nuove produzioni. Lui puntò sulla mobilità individuale, immaginando un mezzo di trasporto a basso costo e di largo consumo. Ebbe qull’uscita quando vide per la prima volta il prototipo MP6 ancora senza nome. Per progettare il veicolo era stato chiamato un ingeniere aeronautico, Corrado D’Ascanio. Avesse amato le moto, questo D’Ascanio, lo scooter non sarebbe mai nato. Invece lui le moto le odiava: le trovava scomode, ingombranti, sporchevoli per via della catena di trasmissione con le gomme troppo difficili da cambiare in caso di foratura. Gli diedero in mano il Paperino del 45 ( prototipo vestito da scooter di una minimoto da paracadutisti, bruttino ) e lui rivoluzionò: scocca portante, monobraccio tipo carrello degli aerei, sospensione all’avantreno, e niente catena ma presa diretta, cmbio al manubrio per facilitare la guida, carrozzeria protettiva.

Aveva il sedere grosso e la vita stretta, quella MP6, e a Enrico Piaggio sembrò una vespa. Allora VESPA fu. Brevettata il 23 aprile del 1946, presentata al pubblico nella cilindrata di 98 cc. da 3,2 cavalli a 4.500 giri, e a dire la verità nemmeno tanto piaciuta.

Oggi ci pare geniale, ma altri non la digerivano: brutta, e poi con quel motore laterale andrà storta, e poi si stà troppo seduti. Enrico Piaggio che non si scoraggiava andò a proporla ad un altro ligure, al conte Parodi, perchè la commercializzasse nella rete della sua Moto Guzzi. Ma quello rifiutò: non può piacere, disse. Piaggio si appoggiò ai concessionari Lancia, ma il debutto fu stentato: il primo anno vennero venduti meno di 2500 pezzi, saliti quota dieci mila nel 47.

Poi arrivò la 125 da cinque cavalli con la sospensione posteriore, e allora lo scooter incominciò davvero ad ingranare. Quasi ventimila pezzi ne 48, e in breve il fenomeno si accese e la Vespa motorizzò l’Italia che si avviava alla ripresa economica. Sessantamila esemplari nel 1950, 171 mila nel 53 con quasi dieci mila stazioni di servizio Piaggio.

Il britannico Times , mai stato tenero con gli italiani, quella volta definì la Vespa <<Il prodotto italiano che da secoli mancava, la cosa migliore dopo la biga romana >>. E sorsero i VESPA CLUB, schierati contro la neonata Lambretta della Innocenti e andare in Vespa diventò sinonimo di libertà, di agilità e di destrezza rigorosamente maschile addirittura di conquista: con la Vespa si rimorchiavano le ragazze.

Nel giugno del 1956 esce da Pontedera il milionesimo esemplare della Vespa, ma nel 60 saranno già 2 i milioni, quattro nel 70, oltre dieci i milioni nel 1988. Travolgente fenomeno sociale. Costruite prima in Italia, ma pio anche in Germania, Gran Bretagna, Francia, Spagna, Belgio, India e Brasile, totale 13 nazioni: e commercializzata per la precisione in 114 paesi del mondo.

Sapete quando spuntò l’Ape a tre ruote?Già nel 1948.

La famosa GS 150, con il cambio a quattro marce, cento chilometri orari di punta massima, la sella sportiva lunga e le ruote da 10 pollici, è del 55. E la vespa 50 per i giovanissimi, quella senza targa, arrivò nel 1963, ultimo progetto firmato Corrado D’Ascanio, con il cilindro inclinato di 45 gradi anzichè orizzontale. Invece il modello di maggior successo nella storia della Vespa è la famosa PX ( 125, 150 e 200cc) nata nel 1977, tuttora in produzione e capace di motorizzare 2 milioni di utenti. Nel 1980, pare incredibile 2 PX riuscirono a concludere la Parigi-Dakar.

Nell’anno della celebrazione del cinquantenario Vespa, 1996, è nata la gamma ET4, prima con il motore a quattro tempi. Non tutti avrebbero scommesso su questo traguardo. Quando morì Enrico Piaggio nel 1965, la vita della fabbrica era in una fase di forte conflitto. Poi Umberto Agnelli Presidente dal 64 all’87. L’acquistò Gilera è del 1969.

E se gli anni Settanta furono d’oro, gli anni Ottanta sono quelli della crisi. Soltanto nel 93, con Giovanni Alberto Agnelli, si videro segni di ripresa ma nel dicembre del 97 lui scomparve, i conti erano in rosso, l’anno dopo morì anche la madre Antonella Bechi Piaggio e gli eredi decisero di vendere. Nel 99 Morgan Grenfell, il 23 ottobre del 2003 il controllo di Roberto Colaninno, e nel 2006 l’entrata in Borsa.

Oggi il gruppo Piaggio è Vespa ma anche Gilera, Aprilia, Moto Guzzi e Derbi. Il maggior gruppo Europeo, terzo nel Mondo dopo Honda e Yamaha.

Auguri dal vostro VespaClub!

Mentre porgiamo a tutti i Vespisti (ma anche a tutti coloro che passano dal nostro sito un po’ per caso) i nostri calorosi auguri, ricordiamo che giovedì 13 Dicembre dalle 21.00, si terrà l’ultima riunione prima delle ferie natalizie…
Potevamo lasciarci sfuggire l’occasione per festeggiare in pieno Vespa style? No. Quindi, siete tutti invitati alla SALAMATA di Natale. Non mancherà del buon vino e qualche ottimo panettone (la tradizione va rispettata… almeno un po’).

Vi aspettiamo in sede: giovedì 13 dicembre, dalle 21.00